default-logo

VUOI TIRARE CON L’ARCO?

La Società A.S.D. Arcieri Città di Terni organizza corsi di tiro con l’arco per adulti e bambini presso il proprio impianto denominato “Archery training center” in via del Centenario, 100 a Terni sia indoor che outdoor per tutto l’anno.
Gli archi e tutto il materiale necessario vengono messi a disposizione dalla Società per provare gratuitamente.
I corsi sono tenuti da personale altamente qualificato: saranno presenti istruttori di Compagnia, istruttori Fitarco di 1° e 2° livello e allenatori.

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

GRAND PRIX CAMPAGNA 2018

SCOPRI L’EVENTO E PRENOTA!

NEWS

Arcieri Città di Terni, la Nazionale giovanile Paralimpica all’Archery Training Center per il primo raduno post Covid-19

E’ iniziato il raduno ternano della Nazionale giovanile Para-Archery, primo dopo l’interruzione dovuta alla pandemia da Covid-19. La Nazionale italiana ha scelto l’Archery Training Center degli Arcieri Città di Terni per ritrovarsi e riprendere con l’attività sportiva. Otto gli arcieri convocati che stanno lavorando con il Responsabile Tecnico Willy Fuchsova e l’allenatore delle giovanili Ezio Luvisetto. Quattro i convocati nell’arco olimpico, si tratta di Francesco Ceppaglia (Arcieri Dei Peuceti), Gabriel De Toffoli (Arcieri Del Piave), Giulia Baldi (Maremmana Arcieri G.dalle Bande Nere) ed Elisabetta Petris (Arcieri Cormòns). Nel compound chiamata per Giulia Ferrari (Maremmana Arcieri G.dalle Bande Nere) e Sofia Forneris (Arcieri Del Cangrande) mentre nel W1 sono in raduno Francesco Tomaselli (Arcieri Dello Jonio) e Asia Pellizzari (Arcieri Del Castello). “Siamo onorati di essere di nuovo a Terni – afferma Willy Fuchsova, Responsabile Tecnico della Nazionale – in questi quattro giorni valuteremo lo stato tecnico e psicofisico dei ragazzi e cercheremo di ridare loro degli obiettivi”. La presenza della Nazionale giovanile Para-Archery ha riacceso i riflettori sul mondo Paralimpico da sempre seguito con attenzione dagli Arcieri Città di Terni. “L’Arcery Training Center nasce principalmente come impianto per disabili – ricorda Stefano Tombesi, consigliere federale e vice presidente Arcieri Città di Terni – volevamo realizzare una struttura all’avanguardia e dai primi risultati possiamo dire di esserci riusciti. E’ un impianto in continua evoluzione che vogliamo rendere sempre più confortevole e all’avanguardia. Nonostante i nostri sforzi però dobbiamo registrare una carenza di atleti. Purtroppo negli ultimi anni è stato carente il supporto da parte di chi dovrebbe indirizzare le persone con disabilità al mondo dello sport, nonostante l’Umbria possa vantare un centro federale per il Para-Archery anche se ad oggi non ha atleti. E’ chiaro quindi che qualcosa non sta funzionando”. Il primo giorno del raduno della Nazionale giovanile Para-Archery è servito anche per fare il punto con le istituzioni. Dall’Assessore comunale allo Sport Elena Proietti e dal delegato provinciale del Coni Umbria Francesco Tiberi sono arrivati gli elogi per l’operato degli Arcieri Città di Terni ma al tempo stesso anche l’amarezza per come il tessuto locale stia faticando ad approcciarsi al mondo Paralimpico. Da entrambi è arrivato un segnale preoccupante: “Nel territorio le camere d’albergo per le persone con disabilità sono pochissime. C’è bisogno di sedersi tutti intorno ad un tavolo e studiare quelle che sono le strategie migliori per implementare questo universo”. Difficoltà le sta incontrando anche lo stesso Comitato Italiano Paralimpico, come sottolineato dal delegato provinciale Tommaso Strinati: “Due sono gli aspetti fondamentali: aiutare economicamente le famiglie a far fare pratica sportiva ai propri figli e avere impianti all’avanguardia. La struttura degli Arcieri Città di Terni è un fiore all’occhiello per la nostra Regione tanto che sto cercando di ottenere dalla sanità umbra e dall’Amministrazione Comunale per avere degli sportelli informativi, punti di riferimento per tutti coloro che hanno interesse ad avviare allo sport persone con disabilità”.

0 comments

Arcieri Città di Terni, da giovedì la Nazionale giovanile Paralimpica

L ’Archery Center Training di Terni ospiterà dal 10 al 13 settembre prossimo il raduno della Nazionale giovanile Paralimpica, il primo post lockdown. Il gruppo azzurro sarà composto da oltre 20 persone: circa quindici atleti, i tecnici federali e i preparatori atletici. “Per certi versi questo di settembre è un appuntamento storico, visto quanto è accaduto nel mondo, e vedere scelta la nostra sede per questo raduno ci riempie d’orgoglio – commenta il presidente degli Arcieri Città di Terni, Mauro Sbaraglia – e al tempo stesso ci conferma che la struttura così come è stata pensata e realizzata funziona. Ma siamo altresì consapevoli di non poterci cullare sugli allori. E’ per questo che stiamo predisponendo degli ulteriori investimenti al fine di rendere il nostro centro ancora più confortevole e adeguato alle esigenze del mondo ParaArchery”. Quello in programma a settembre sarà il secondo raduno della nazionale paralimpica a Terni. Il primo si è svolto in occasione dell’inaugurazione dell’Archery Center Training. Avendo la pandemia da Covid-19 annullato di fatto la stagione outdoor, per gli atleti azzurri sarà questa la prima occasione utile per tornare ad imbracciare l’arco e scoccare le prime frecce in vista del programma indoor delle manifestazioni nazionali e internazionali. La realizzazione dell’Archery Center Training si conferma essere stata quanto mai azzeccata anche alla luce della scarsità di palestre a disposizione delle società sportive. La scelta degli Arcieri Città di Terni di investire in un impianto di proprietà oggi risulta essere stata vincente visto che sta consentendo alla società la prosecuzione dell’attività sportiva in sicurezza.

0 comments

Terni protagonista alla ripresa dell’attività nazionale: due giorni di gare e nuovi record nazionali

Il tiro con l’arco nazionale è tornato ad essere protagonista a Terni. Nel fine settimana, l’Archery Training Center di via del Centenario ha ospitato una delle quattro gare valide per il ranking e le qualificazioni ai Campionati Italiani. “Abbiamo ripreso con tutte le precauzioni del caso per salvaguardare la salute di atleti e soci – ha dichiarato Mauro Sbaraglia, presidente degli Arcieri Città di Terni – il rispetto del protocollo riduce il numero di partecipanti massimi ad un evento ma come inizio possiamo ritenerci soddisfatti”. La due giorni ternana ha premiato nella classe olimpico senior Marco Boccialoni degli Arcieri Città di Terni e Laura Baldelli della Augusta Perusia, mentre nella classe master spicca Roberto Mannu dell’Arco club Appia Antica e per la classe allievi la giovane promessa ternana degli Arcieri città di Terni Gabriele Monaldi. La gara andata in scena a Terni ha regalato anche un doppio record Italiano: nella divisione arco nudo Riccardo Gasponi degli Arcieri Città di Terni classe master maschile e per la giovane Valeria Boccara degli Arcieri San Quirico. “Dopo un periodo di assestamento e prove per testare la nuova modalità di gara abbiamo messo a punto un protocollo dove il distanziamento la fa da padrone garantendoci la possibilità di tornare a gareggiare in sicurezza – le parole di Stefano Tombesi, consigliere federale e vice presidente degli Arcieri Città di Terni –. In molti si sono fermati ma stiamo vedendo che piano piano le persone si stanno riavvicinando al tiro con l’arco. Come Federazione, a livello nazionale il problema più diffuso riguarda l’attività indoor. Infatti la gran parte delle società non dispone di impianti al chiuso. Ci aspetta una lunga stagione di trattative per riuscire a risolvere il problema tornando a svolgere l’attività nelle palestre scolastiche”.

0 comments

Arcieri Città di Terni, c’è l’ufficialità: il Mondiale 3D dal 3 all’11 settembre 2022

Adesso c’è l’ufficialità: il Mondiale 3D di Tiro dopo il rinvio dell’edizione 2021, si svolgerà regolarmente a Terni dal 3 all’11 settembre del 2022. La conferma è arrivata al termine dell’ultima riunione della World Archery che ha pianificato gli appuntamenti internazionali per il terzo trimestre del 2022. “Abbiamo atteso con grande impazienza questa notizia– commenta Stefano Tombesi, vicepresidente degli Arcieri Città di Terni e consigliere federale – perché è scontato che per la nostra società, poter organizzare un evento di questa caratura è una grande opportunità oltre che un grande onore. Quando ci è stata comunicata la sospensione del Mondiale che era in programma per l’anno prossimo la macchina organizzativa era in piena attività. Abbiamo dovuto fermarci, come tutti. Ma non del tutto perché abbiamo lavorato duramente affinché il Mondiale si disputasse comunque a Terni e non in America come era stato paventato. Adesso possiamo riprendere a lavorare. Come Arcieri Città di Terni abbiamo fatto e faremo tutto quello che è in nostro potere per realizzare un evento che possa lasciare nuovamente tutti senza fiato. L’augurio è che le istituzioni mantengano le promesse e restino concretamente al nostro fianco”. Il Mondiale 3D del 2022 sarà il secondo organizzato dagli Arcieri Città di Terni. Il primo, nel 2015 ha riscosso un grandissimo successo. Merito della Cascata delle Marmore, location unica nel suo genere e dell’organizzazione impeccabile della società ternana. L’evento in programma tra due anni richiamerà a Terni e in tutto il territorio della Provincia un gran numero di atleti, tecnici e persone da tutto il mondo. Basti pensare che nel 2015 si sono registrate oltre 12.000 presenze negli alberghi cittadini durante la rassegna. Immancabile, dopo il successo della prima edizione, verrà riproposto anche l’Archery Village che con i suoi eventi, sempre nel 2015, ha richiamato a largo Frankl qualcosa come oltre 120.000 persone. Una forma di turismo integrato e di piccolo sostegno all’economia locale che restano tra gli obiettivi della nostra organizzazione.

0 comments

Arcieri Città di Terni, un seminario con lo psicologo e psicoterapeuta Manolo Cattari

Gli Arcieri Città di Terni hanno organizzato un seminario con lo psicologo dello sport e psicoterapeuta Manolo Cattari. “La piramide dello sport giovanile: atleti, genitori e dirigenti uniti per combattere il disagio giovanile”, questo è il titolo dell’evento che sarà moderato dal dottor. Cattari che collabora da tempo anche con la Federazione Italiana di Tiro con l’Arco. “Questa iniziativa prende le mosse dai recenti fatti di cronaca che hanno portato Terni e la nostra comunità alla ribalta nazionale – afferma Stefano Tombesi, vicepresidente degli Arcieri Città di Terni e consigliere federale – per questo, in qualità di dirigenti di una società sportiva che annovera molti atleti giovanissimi ci siamo sentiti in dovere di fare la nostra parte. Così abbiamo deciso di fare qualcosa anche a fronte delle tante parole che sono state spese in queste settimane. Con questo appuntamento vorremmo dare ai genitori, agli atleti e ai tecnici l’occasione per confrontarsi con un esperto del settore e perché no anche trovare delle possibili soluzioni a situazioni di difficoltà. A ognuno di noi sta a cuore il futuro dei giovani. In qualità di dirigenti sportivi sappiamo quanto lo sport possa aiutare le persone a superare le difficoltà della vita. Per questo vogliamo offrire un servizio migliore e dare il nostro contributo alla comunità”. A breve verrà comunicata la data di svolgimento del seminario e le relative modalità di prenotazione.

0 comments