default-logo

VUOI TIRARE CON L’ARCO?

La Società A.S.D. Arcieri Città di Terni organizza corsi di tiro con l’arco per adulti e bambini presso il proprio impianto denominato “Archery training center” in via del Centenario, 100 a Terni sia indoor che outdoor per tutto l’anno.
Gli archi e tutto il materiale necessario vengono messi a disposizione dalla Società per provare gratuitamente.
I corsi sono tenuti da personale altamente qualificato: saranno presenti istruttori di Compagnia, istruttori Fitarco di 1° e 2° livello e allenatori.

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

GRAND PRIX CAMPAGNA 2018

SCOPRI L’EVENTO E PRENOTA!

NEWS

Gli Arcieri Città di Terni riprendono l’attività in sicurezza e con tante novità

Finalmente l’Archery Training Center di Terni ha riaperto i suoi cancelli. Da una settimana gli Arcieri Città di Terni sono tornati a vivere la loro casa nel pieno rispetto delle prescrizioni decise dalla Federazione Italiana Tiro con l’Arco (Fitarco) in seguito alla pandemia da Covid-19. “Abbiamo lavorato sodo per far si che la ripresa delle attività potesse avvenire in totale sicurezza – afferma il presidente degli Arcieri Città di Terni, Mauro Sbaraglia – e i riscontri che abbiamo avuto in questa prima settimana ci dicono che abbiamo e stiamo lavorando nella giusta direzione”. La mascherina è diventata ormai normalità per gli atleti che ordinatamente a rigorosamente alla giusta distanza si alternano sulla linea di tiro. Distanza di sicurezza rispettata anche dai bersagli allontanati, gli uni dagli altri, per rispettare le direttive della Federazione. NOVITA’ – Nella già ricca dotazione di attrezzature in possesso degli Arcieri Città di Terni hanno fatto capolino nuovi strumenti acquistati dalla società ternana grazie ai contributi ricevuti nel 2019 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il progetto “uno sport senza barriere” (9.876€) e a quelli firmati Fondazione Carit (6.575€). Grazie a questi fondi gli Arcieri Città di Terni si sono potuti dotare di ulteriore e innovativo materiale utile per lo svolgimento dell’attività, tecnica e atletica, paralimpica. Un upgrade importante che accresce la qualità dell’Archery Training Center, punto di riferimento nazionale per quanto riguarda il Para Archery. “Come Fitarco – aggiunge Stefano Tombesi, consigliere federale e vicepresidente Arcieri Città di Terni – ci siamo adoperati con Sport e Salute affinché le società potessero ricevere degli aiuti economici per sostenere le tante spese cui sono andate incontro per consentire la ripresa delle attività”. FUTURO – Gli Arcieri Città di Terni sono sempre in movimento e soprattutto non distolgono lo sguardo dall’orizzonte. A breve arriverà nell’impianto ternano il tunnel igienizzante con il quale sarà possibile riprendere l’attività indoor al termine della stagione estiva. L’investimento, di oltre 5.000€, consentirà all’impianto ternano di essere il primo e unico in Italia ad avere anche questo ulteriore strumento di sicurezza. Ma c’è di più perché gli Arcieri Città di Terni stanno lavorando per implementare l’applicazione per smartphone, tablet e pc con la quale sarà possibile prenotare la postazione di tiro ed evitare così code e affollamenti all’interno dell’impianto. GARE – La Fitarco ha sospeso l’attività agonistica di ogni genere e grado. Dunque in questi giorni ci si può solo allenare. Ma a breve qualcosa potrebbe cambiare. “Come Federazione stiamo lavorando alla creazione di qualcosa che possa consentire a tutti gli atleti di tornare a sfidarsi nel pieno rispetto delle prescrizioni – precisa Stefano Tombesi, consigliere federale – l’intero movimento ha reagito benissimo in questa prima settimana di riapertura. C’era tanta voglia di tornare ad imbracciare l’arco, a scoccare le frecce ma anche a sfidare il compagno di squadra, l’avversario di una vita. Per questo alla Fitarco siamo pensando a qualche iniziativa che consenta di tornare a gareggiare. Magari già da questo mese”.

0 comments

Donati 50 flaconi antifog all’Ospedale di Terni

Cari medici, cari infermieri,chi vi scrive lo fa a nome di tanti atleti, tecnici e dirigenti che fino a poco tempo fa si impegnavano a far crescere lo sport e più precisamente il tiro con l’arco nella nostra città. Oggi tutto questo ci pare un lontano ricordo e per la prima volta conosciamo un nemico infido da combattere, per non venire sopraffatti e sconfitti. Ma in prima linea, in trincea a difenderci ci siete voi. Voi che con turni massacranti, poco riposo, poche risorse per combattere questo maledetto virus fate della vostra professione, non solo un lavoro, ma una vera e propria missione di umanità. Ogni giorno sentiamo dai media parlare di voi come eroi, ma devono ancora chiamarvi con il giusto nome: a differenza di noi gente comune, voi non potete rinchiudervi dentro una casa con le vostre famiglie al sicuro e lontano dal contagio e non potete permettervi di farvi sopraffare dallo sconforto o ancor più dalla paura di non avere un domani, perché è il vostro lavoro giornaliero, lo era ieri e lo sarà anche domani. Dietro quelle maschere di silicone appannate dalla fatica del mestiere, dietro ogni schermo in plexiglas, ci sono degli sguardi che incrociano giornalmente pazienti imploranti e spaventati che chiedono solo di poter uscire da questo incubo. Noi come Arcieri Città di Terni non sapevamo da dove iniziare per poter essere utili in qualche modo e darvi un segnale della nostra riconoscenza. Non abbiamo una forte risonanza come potrebbe averla uno sport più diffuso, non abbiamo tanti sponsor che ci sostengono se non i genitori dei nostri ragazzi che, a volte, con tanta fatica riescono a coprire la propria quota associativa pur di far crescere il proprio figlio in un ambiente sano e lontano dai pericoli. Ma come racconta e insegna la favola del colibrì durante l’incendio della foresta, ‘la cosa più importante non è essere grandi e forti, ma pieni di coraggio e di generosità e che anche una goccia d’acqua può essere importante e che “insieme si può” spegnere un grande incendio’. Ci sarà il tempo per noi di ritornare a gareggiare e vincere, ma oggi il nostro pensiero è rivolto a voi e a voi diciamo semplicemente grazie. Grazie a tutti voi che siate medici, infermieri o semplici addetti a supporto di chi è in prima linea. Grazie alle vostre famiglie che vi seguono a distanza e capiscono in silenzio il ruolo importante che state sostenendo per tutta la nostra comunità. Con la speranza che, quando tutto questo sarà finito, la gente non si dimentichi di voi e continui a sostenervi con ammirazione e il giusto rispetto, la nostra società vi rimane vicino augurandovi una serena Pasqua.

0 comments

La pandemia porta il Mondiale 3D al 2022

Le restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19 non fermano il lavoro della dirigenza FITARCO. A questo proposito, appaiono molto rilevanti le decisioni prese: dalla sospensione dell’attività fino al 30 giugno allo slittamento degli eventi federali al 2021. Dall’esito della riunione straordinaria del Consiglio Federale tenutasi in data 03/04/2020, in ottemperanza alle direttive emanate dagli organi di Governo, comprensiva anche dell’ultima pubblicata il 2 aprile e vigente fino al temine dell’emergenza sanitaria, si comunica quanto segue: 1) Sospensione delle attività agonistiche e non agonistiche fino al 30 giugno 2020 2) Annullamento di tutte le Gare iscritte a Calendario Federale fino al 30 giugno 2020 3) Annullamento di tutti gli eventi Federali previsti per l’anno 2020 Il protrarsi dell’emergenza Coronavirus ha quindi portato il Consiglio alla decisione di sospendere l’attività federale fino al 30 giugno per la quale verranno fornite ulteriori comunicazioni per una anticipata riapertura nel caso arrivassero nuove comunicazioni da parte delle autorità competenti. Come detto, per quanto concerne il calendario gare e in particolare gli Eventi Federali, quelli previsti nel 2020 sono stati posticipati tutti al 2021 e, di conseguenza, le candidature per l’organizzazione degli eventi del 2021 slitteranno all’anno 2022. Il Mondiale in programma a Terni, la prima settimana di settembre del 2021, slitta quindi nello stesso periodo del 2022. La conferma ufficiale dovrebbe arrivare la prossima settimana quando la World Archery si riunirà, sempre in videoconferenza, per deliberare sul calendario internazionale. È comprensibile che, dal punto di vista organizzativo, la notizia non è delle migliori per gli Arcieri Città di Terni che hanno lavorato duramente per aggiudicarsi l’evento. Allo stesso tempo, però, la società comprende che la situazione straordinaria che si sta vivendo porta in secondo piano tutto quello che non interessa la salute e la macro economia. Per non vedere vanificato il grande impegno sia economico che organizzativo fino ad oggi svolto dagli Arcieri Città di Terni, in ultimo il nuovissimo impianto coperto nato oltre che per poter migliorare lo svolgimento dell’attività sportiva nei periodi invernali anche e soprattutto per poter ospitare grandi eventi, gli Arcieri Città di Terni, hanno dato la propria disponibilità, pur di garantire in città una manifestazione di livello mondiale, di poter organizzare invece che il mondiale 3D un campionato Mondiale Campagna (h+f), gara ancora più importante e ancora più impegnativa dal punto di vista organizzativo. “Credo che per Terni un evento così importante non debba sfuggire anche nell’ottica di una ripresa economica sia per la città che per tutto il territorio regionale – afferma Stefano Tombesi, vice presidente degli Arcieri Città di Terni – in questi ultimi anni si sono riempite colonne di giornali e fatti grandi spot dicendo che sport e turismo debbano andare a braccetto e che sono un connubio ideale per l’economia ternana. C’è bisogno di grandi eventi a respiro nazionale e internazionale per riempire gli alberghi della città e dare un importante input alle attività economiche del territorio”.

0 comments

Arcieri Città di Terni, 4 medaglie dagli Assoluti Indoor di Rimini

Gli Arcieri Città di Terni tornano soddisfatti dagli Campionati italiani Indoor in virtù delle 4 medaglie conquistate. Nei locali della Fiera di Rimini, nel fine settimana, si sono scontrati i migliori arcieri d’Italia per una rassegna che ha fatto registrare numeri da capogiro con oltre 900 atleti al via e oltre 2mila persone interessate dall’evento. “Torniamo dagli Assoluti Indoor di Rimini consapevoli di poter contare su un gruppo di atleti molto competitivo che saprà togliersi anche nel futuro grandi soddisfazioni” le parole di Mauro Sbaraglia, presidente Arcieri Città di Terni che ci tiene a sottolineare come “le quattro medaglie conquistate dai nostri atleti sono il giusto premio per il grande lavoro che quotidianamente svolgono tutti gli iscritti, i tecnici e i tanti volontari che sono l’anima della nostra società”. A livello Assoluto, gli Arcieri Città di Terni hanno conquistato una medaglia. Marco Boccialoni, Fabio Deciantis e Matteo Santi hanno dovuto contentarsi dell’argento nell’Arco Olimpico a squadre dopo essere stati sconfitti in finale 5-3 dai lombardi del Mirasole Città di Opera. 3 medaglie sono arrivate invece dai titoli di classe. La squadra maschile di Arco Olimpico Senior sempre composta da Santi, Boccialoni e Deciantis, ha chiuso con un argento arrivando ad appena 24 punti dai campioni degli Arcieri Iuvenilia. Argento anche per Riccardo Gasponi nell’Arco nudo Master che ha dovuto cedere a Giuseppe Forti la medaglia più prestigiosa per appena 4 punti di distacco. L’ultima medaglia conquistata dagli Arcieri Città di Terni è stata quella di bronzo portata a casa da Edoardo Scaramuzza nella categoria Juniores di Arco compound. Anche in questo caso il distacco tra l’arciere ternano e il secondo, ovvero Alessandro Bombana (Arcieri del Cangrande) è stato di appena 3 punti.

0 comments

Arcieri Città di Terni, pioggia di medaglie al Campionato Regionale Indoor

Arcieri Città di Terni mattatori al Campionato Regionale Indoor. La società del presidente Mauro Sbaraglia ha conquistato 30 medaglie. Di queste ben 10 (nessuno come i ternani) sono arrivate dagli Assoluti (individuali e a squadre). Risultati che fanno degli Arcieri Città di Terni una delle migliori società del panorama regionale nella manifestazione che si è svolta, lo scorso fine settimana al PalaTennistavolo Aldo De Santis di Terni con trecento atleti in gara in rappresentanza di 14 società umbre. “Siamo doppiamente soddisfatti perché abbiamo ottenuto come società importanti risultati che ci fanno ben sperare in vista del Campionato Italiano Indoor in programma dal 21 al 23 febbraio a Rimini – afferma Stefano Tombesi, vicepresidente Arcieri Città di Terni e consigliere federale – e anche perché in qualità di organizzatori del Campionato Regionale abbiamo ricevuto molti complimenti per il lavoro svolto. La macchina organizzativa ha risposto alla grande. Tra gli aspetti che hanno fatto più piacere ai circa 300 partecipanti l’aver concluso il Campionato nel pomeriggio, a dimostrazione di una efficienza confermata da parte della nostra macchina organizzativa come dimostrato già in tante altre circostanze”. A livello Assoluto, gli Arcieri Città di Terni hanno conquistato 6 medaglie. Di queste 3 sono state d’oro grazie a Matteo Santi (Arco Olimpico Maschile), Edoardo Scaramuzza (Arco Compound Maschile) e Sabrina Vannini (Arco Nudo Femminile). 2 sono state le medaglie d’argento portate a casa da Marco Boccialoni (Arco Olimpico Maschile) e Chiara Bicelli (Arco Compound Femminile); mentre il bronzo è stato conquistato da Sara Pandimiglio (Arco Nudo Femminile). Gli Arcieri Città di Terni hanno ottenuto anche 4 medaglie a squadre. L’oro se l’è aggiudicato quella dell’Arco Olimpici Maschile mentre l’Arco Compound Maschile e l’Arco Nudo Femminile hanno strappato un prezioso argento. Ottimo anche il bronzo ottenuto dalla squadra di Arco Nudo Maschile. Ma le soddisfazioni per la la società ternana, che quest’anno è stata impegnata anche nell’organizzazione della rassegna regionale, non sono finite qui. Dagli scontri di categoria sono arrivate 14 medaglie. Matteo Santi (Arco Olimpico – Senior Maschile), Edoardo Scaramuzza (Arco Compound – Junior Maschile) e Sara Pandimiglio (Arco Nudo – Senior Femminile) hanno conquistato l’oro. Matteo Boccialoni (Arco Olimpico – Senior Maschile), David Guglielmo (Arco Olimpico – Junior Maschile), Martina Savinelli (Arco Olimpico – Junior Femminile), Chiara Bicelli (Arco Compound – Senior Femminile), Stefano Tombesi (Arco Compound – Master Maschile) e Riccardo Gasponi (Arco Nudo – Master Maschile) hanno portato a casa 6 preziose medaglie d’argento. In 5, invece, hanno ottenuto il bronzo e sono: Fabio Deciantis (Arco Olimpico – Senior Maschile), Corinna Belelli (Arco Olimpico – Master Femminile), Gabriele Monaldi (Arco Olimpico – Allievi Maschile), Manuel Bianchini (Arco Olimpico – Ragazzi Maschile) ed Emanuele Fuselli (Arco Olimpico – Giovanissimi Maschile). A questi risultati si vanno poi ad aggiungere quelli a squadre. 3 gli ori conquistati: nell’Arco Olimpico – Senior Maschile (Matteo Santi, Marco Boccialoni, Fabio Deciantis), nell’Arco Olimpico – Ragazzi Maschile (Manuel Bianchini, Riccardo Grigioni, Nicolò Galletti) e nell’Arco Nudo – Senior Femminile (Sara Pandimiglio, Sabrina Vannini, Rosa Riggi). Alle medaglie d’oro si aggiungono le 3 d’argento dell’Arco Olimpico – Master Maschile (Evandro Astancolli, James Danieli, Massimo Domenichini), dell’Arco Olimpico – Allievi Maschile (Gabriele Monaldi, Lorenzo Gigliotti, Alessandro Di Erasmo) e dell’Arco Nudo – Master Maschile (Riccardo Gasponi, Marco Centofanti, Giuseppe Panunzi). Nel corso della rassegna regionale sono stati premiati Matteo Santi degli Arcieri Città di Terni e Laura Baldelli dell’Augusta Perusia come miglior arcieri umbri 2019. Inoltre sono stati consegnati i premi relativi alla Coppa delle Regioni che si è disputata la scorsa estate in Sardegna. Torneo che ha visto l’Umbria chiudere in seconda posizione dietro solo alla Lombardia e davanti alla Toscana oltre che a tutte le altre regioni.  

0 comments